Passa ai contenuti principali

Trekking da Rosazza al colle e punta della Gragliasca (BI)

Andrea mi segnala con un commento sul post che il sentiero per la Gragliasca è stato ripristinato. Il percorso è interamente sulla mulattiera fatta costruire da Federico Rosazza. Seguo subito la proposta di Silvia di salire al colle (e magari la punta).

Partiamo alle 8:15 da Rosazza (BI) 882m, il tempo è nuvoloso (come sempre in Valle Cervo). Parcheggiamo di fronte del sentiero (entrati in Rosazza dopo il ponte svoltare subito a sinistra e proseguire dritto fino al parcheggio). Ci sono molte macchine parcheggiate, sicuramente è prevista la festa di chiusura del rifugio Madonna della Neve sulle Selle di Rosazza.

sentiero

Seguiamo la mulattiera contrassegnata E30,dopo qualche minuto troviamo la deviazione per il sentiero per le Selle E32, successivamente il piccolo abitato di Desate 1101m e l’abitato di Barioni fino alla Piana di San Giovanni, dove un’incisione su pietra raffigura il santo. Appena dopo la deviazione per per la cappella di San Giovannino.

San Giovannino

Sentiero

Il sentiero prosegue allontanandosi sulla destra dal fiume Pregnetta con 21 tornanti mai troppo ripidi. 

piana verso il colle

Troviamo anche una parete di arrampicata prima del tratto attrezzato, non trovo info su internet, a vista sembra una parete semplice su bella roccia.

Parete di arrampicata

sentiero

La curva prima del tratto attrezzato incontriamo due cacciatori con il cannocchiale in cerca di caprioli… ma sembra che oggi non si trovi selvaggina (meno male…).

La valle

Eccoci al tratto attrezzato, per fortuna sono stati aggiunti dei gradini e delle corde, anche se sono pochi metri comunque il tratto è pericoloso. Nonostante tutte le sue paure Silvia attraversa veloce come un furetto.

Sentiero

Dopo qualche tornate la valle si apre, sulla sinistra alcune baite disabitate. La mulattiera è sempre bella e pulita dalle sterpaglie, il panorama sulla conca vale veramente la pena.

Sentiero

La valle

 cascata

ci siamo quasi

Arrivati sotto il colle si inizia a prendere quota rapidamente, attraversiamo una zona umida e salta fuori un bel rospo nero.

Rospo

Troviamo anche la deviazione per il sentiero E35 ed E39 che porta a Piedicavallo dal Colle dell’Irogna, segnalato come “disagevole”.

Sulla parte sinistra della valle si trova si trovano gli alpeggi di Bose inf. e sup. 

Arrivati al Colle della Gragliasca troviamo il segnavia che indica 7360m dalla partenza da Rosazza, abbiamo percorso tutta la mulattiera antica che permetteva il commercio tra i valligiani e la valle del Lys in circa 3:30 ore. Su questo tratto di cresta passa l’Alta Via delle Alpi Biellesi. Da entrambe le parti si ammira a valle della Gragliasca e i laghetti della valle del Lys con i suoi verdissimi alpeggi.

Arrivati!

il colle

il sentiero di cresta verso la punta della Gragliasca

L'alta via

la cresta verso il Monte Camino

Verso la valle d'aosta

la valle della Gragliasca

Il camino

il Monte Camino dietro le nuvole

A questo punto Silvia decide di fermarsi, mentre proseguo velocemente sulla destra per segnavia blu (che indicano l’alta via) per la Punta della Gragliasca.

L'alta via

Dopo qualche passaggio (non difficile ma sempre tenere d’occhio dove si mettono i piedi) arrivo in cima (non esiste una vera e propria punta, solo uno spiazzo molto grosso tra due selle, non si trova neanche una croce o qualcosa di simile).

Il panorama è molto bello, si può vedere il monte Cresto, il Colle del Lupo, i vari laghetti nella valle del Lys e dalla parte di Rosazza tutto il vallone della Gragliasca. Ogni tanto il monte Camino di Oropa spunta tra la nebbia.

punta_gragliasca

vista dalla Punta della Gragliasca

Verso la punta

 Vista dalla punta

 Vista dalla punta della Gragliasca

 Vista dalla punta della Gragliasca

 Vista dalla punta della Gragliasca

 Vista dalla punta della Gragliasca

 rientro con la nebbia in arrivo

Ritorno al colle, mangiamo velocemente e scendiamo.Una bella giornata in questa valle molto selvaggia e poco conosciuta.

Grazie a Silvia per la bella giornata.

  gragliasca

Cartina: Carta dei sentieri “Il biellese Nord-Occidentale” foglio 2 Scala 1:25000 e “Itinerari escursionistici nel Biellese” di C. M. Testa.

il tracciato gps è stato realizzato con i punti presi con il Garmin eTrex e il percorso con il MyTach

il sito di Rosazza

altre foto

tracciati gps

Commenti

Anonimo ha detto…
Ciao Marco,
ieri sono tornata al colle della Gragliasca, giornata perfetta di sole qualche nuvola e vento gradevole.
Ho scoperto che la parete attrezzata è l'attacco di una via sul campanile di san Giovannino!
A presto,
Silvia
Anonimo ha detto…
Ciao Marco,
ieri sono tornata al colle della Gragliasca, giornata perfetta di sole qualche nuvola e vento gradevole.
Ho scoperto che la parete attrezzata è l'attacco di una via sul campanile di san Giovannino!
A presto,
Silvia

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru