Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2008

Arcobaleno

Dopo una terribile pioggia.... arriva l' arcobaleno altre foto   Technorati Tag: Santhià , Arcobaleno , Pioggia

Auguri a Unha e Federico

Tanti Auguri... Bhe...... accompagnati da Paola e dal suo maggiolino.. intanto Milo dorme.... altre foto   Technorati Tag: Amici , Matrimonio

Michael Crichton - Next

Bellissimo libro, le argomentazioni sono angoscianti ma reali, industrie di manipolazione genetica, proprietà cellulare personale e dei brevetti di geni umani. Il libro comprende un certo numero di vicende che si articolano tra segreti industriali, creazione di scimmie parlanti, pappagalli intelligenti e tartarughe con carapaci fosforescenti per tenere lontano i predatori....    Technorati Tag: Michael Crichton , Next , Libri

Ailefroide (FR) - via Les Predateurs settore Palavar

Partiamo al mattino dall'agriturismo dove abbiamo dormito, Davide si fissa che vuole fare una via lunga, io dopo la giornata di ieri propongo un monotiro di 2° grado ma come al solito vengo insultato a nastro.... Partiamo per una il settore Palavar di Ailefroide la via da percorrere sarà "Les Predateurs". Per raggiungere il settore si arriva ad Ailefroide, prima del ponte girare a sinistra e proseguire fino a che non termina la strada in un parcheggio. Da qui si prende il sentiero e si sale fino ad arrivare al termine del sentiero sopra a duna sporgenza, si scende nel canalone centrale della montagna e si attacca la via dal basso. La punta da raggiungere è Roches de Pelisseir 1801m. La via è bella, lunga ed ho i piedi tutti devastati dalle solite scarpette, arriviamo in punta (l'ultimo tiro è molto è esposto, sono acquattato come una tartaruga, a dx e s il vuoto più totale...) Non ci sono ancoraggi per le soste e la maggior parte bisogna farle sullo spit e

Corso Cai - Ailefroide (FR) - Laisser bronzer les cadavres

Partiamo con il corso di alpinismo per Ailefroide , ci troviamo a Cigliano (VC) verso le 6, verso le 10 siamo ad Aleifrode passando dal passo del Monginevro (percorrendo tutta la valsusa). La giornata è bella soleggiata, vengo affidato a Mauro che per due giorni mi guiderà per queste bellissime pareti. L' ambiente di Ailefroide è bellissimo, siamo immersi nel parco "Parc National des écrins", una bellissima natura, tantissimi fiori e il verde dei prati si scontra con il bianco della neve delle punte più alte.   Partiamo per la parete sulla Tetè de la Draye Sud (2100), la via si chiama "Laisser bronzer les cadavers" classificata TD aperta nel 1996. Sull' altra via parallela "Ein,Zwei, Draye" (D spittata 1996) ci sono Davide con Luigi ed Ezio con Alberto.     Il primo tiro è sempre quello di riscaldamento e quindi il più duro, si parte con un V+ piatto per poi aprirsi su di una placca di V fino a raggiungere la prima sosta dov

Marta sui tubi - Perchè non pesi niente

(Guardami, Spingimi, Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingimi, Come Chi mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda) Guardami, Spingimi, Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingimi, Come Chi mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda Quello Che Fotte La Cosa Più Semplicemente Umana Lasciare Il Controllo Del Male, Le Reti, Le Diete, e se è il caso di perdere Parti di Se Goditi i Tuoi Lividi, i tuoi brividi e poi specchiati Altalene che restano ferme a metà Perchè Non Pesi Niente Basta Star Bene Per Non Stare Male, Bene o male, Bene La Voglia di farlo bene o male, bene ma solo da quando sono stato male, vabbene da quando sono di qua Forse Lo Sognerò Piuttosto: Guardami, Spingimi, Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingimi, Come Chi mi Guarda, Spingimi, Guardami, Spingi Come Chi Mi Guarda Guarda

Corso Cai - Monte Cevedale

Il tempo non promette bene, si parte alle 5:00 per Santa Caterina Valfurva . Arrivati troviamo delle jeep che ci attendono per portarci fino al "Rifugio Ghiacciaio dei Forni" 2000m, si apre una bellissima valle immersa nel parco dello Stelvio. Si parte a piedi in direzione del rifugio Pizzini Frattola 2700m a circa 1:20 di marcia tra mulattiere, sentieri e qualche nuvola bassa.     Dal rifugio iniziamo una salita molto verticale per raggiungere il Rifugio Casati 3200m. La guide e il sito internet dicono di un percorso di circa un'ora e mezza ma non indicano la strada, noi iniziamo a salire brutalmente in verticale in mezzo a neve e sfasciume roccioso, la salita è abbastanza pesante un passo in avanti e due indietro in mezzo a terra smossa e massi che si sgretolano al nostro passaggio. In conclusione riusciamo raggiungere il rifugio Casati in più di 3 ore. Prima del casati si trova il rifugio Guasti che è chiuso. Il Casati è un bel rifugio mo

Matrimonio di Roberta e Andrea

Congratulazioni a Roberta e Andrea che Venerdì 13 si sono sposati!! altre foto le foto di Rubbè

La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano

E' il primo libro che sono riuscito a scambiare su internet, infatti con anobii riesco a barattare il " Coperchio del Mare " con questo libro grazie ad una persona molto gentile che ringrazio molto. Equilibrio, Torino, due storie di due ragazzi che si incontrano,scontrano il tutto resta sempre in equilibrio come tutto il libro, si avvicinano, si allontanano si cercano alla fine rimane tutto in equilibrio... da leggere molto bello.     Technorati Tag: Libri , Paolo Giordano , La solitudine dei numeri primi

Corso CAI - Ghiacciaio di Prè de Bar

  Partiamo presto per la prima lezione pratica di ghiaccio del corso. Arriviamo fino a Entreves poi entriamo nella bellissima  Val Ferret alla pendice del massiccio del Monte Bianco. Valle fantastica con il Dente del Gigante che spunta dall'alto tra le nuvole e la nebbia con nevaia e piccoli ghiacciai appesi alle pareti di tutto il massiccio. Arriviamo fino al fondo della valle, parcheggiamo e iniziamo l'avvicinamento al ghiacciaio che si trova a circa un'ora di cammino. La valle si chiude e poi svolta sulla sinistra dove inizia il ghiaccio. Sul percorso di avvicinamento troviamo anche una bella marmottona... Riceviamo le prime nozioni di cordata, la nostra è formata da Riccardo come primo, Davide e al fondo ci sono io. Dopo esserci legati,ramponati e picozzati ;-) partiamo ed iniziamo a salire il pendio ripido fino a dove ci aspetta Antonio per fare alcuni esercizi di discesa sul ghiaccio, discesa in doppia su un pendio quasi verticale e risalita in pio