Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2008

Val Vogna da S.Antonio all’ Alpe Spinale

Partiamo in una ventina amici del Cai di Biella verso questa valle laterale alla Valsesia . L’obbiettivo della passeggiata è i rifugio Abate Carestia, appena arrivati dalle parti di Varallo vediamo subito le vette innevate molto basse… Arriviamo fino a S.Antonio 1381 dove parcheggiamo e troviamo un vento freddo e –2 gradi!!! Il percorso inizia su una strada sterrata, poi sulla destra si seguono le indicazioni per il rifugio Carestia ( indicato a 2,10 ore). La strada sale lateralmente, si deve attraversare un torrente abbastanza fastidioso per via di un passaggio scomodo, sempre seguendo il sentiero numero due. Arriviamo all’alpeggio dove un pastore in camicia segue i suoi animali, introno è tutto verde e la valle declina lateralmente nel torrente Vogna, alimentato dai due torrenti  Maccagno e Solivo. Il pascolo è raccolto tra diverse strutture walser molto ben tenute e caratteristiche. Salendo i pascoli e boschi si arriva Selletto a 1530 e continuando sul fianco al

Concorso fotografico Comuni Italiani

L’amico Roberto (detto Rubbè) partecipa al concorso fotografico nazionale comuni-italiani.it con questa bellissima foto della chiesa di Santhià. se volete votarla seguite il link . Technorati Tag: fotografia , santhià

Cecilia Randall – Hyperversum – il falco e il leone

  Dopo diversi anni Ian e Daniel si ritrovano nuovamente nel passato nel 1215 dc. La loro presenza sarà a cavallo tra la ribellione dei baroni inglesi al re Giovanni senza terra. Dopo varie vicissitudini, rapporti politici e intrighi Ian si troverà a mediare questa situazione per facilitare l’invasione dei francesi e la destituzione del re inglese. Libro veloce e carino, letteratura per ragazzi, poco impegnativa e molto rilassante. isbn 978-88-09-05528-5 Giunti editore prezzo 17,50 euro Technorati Tag: Cecilia Randal , Hyperversum il falco e il leone , libri

Madonna del Sasso – Piane Grande – Val Sermenza

Partiamo da Santhià verso le 8:15 con il gruppo escursionistico del Cai di Biella . Destinazione la Val Sermenza nella zona della Val Sesia. Arriviamo a Boccioleto (667),parcheggiamo dopo l’abitato sulla sinistra, scendendo verso il torrente Sermenza. Si attraversa il ponte sul torrente e si prosegue sulla destra seguendo l’itinerario 377.   La giornata è nuvolosa ma per ora non abbiamo ancora visto la pioggia. Si prosegue la marcia su di una comoda mulattiera fino ad arrivare ad una zona abitata denominata Palancato a 824 s.l.m.. Piccola frazione molto carina tra casette Walser .   Uscendo da Palancato 824 si prosegue sempre su mulattiera e si arriva alla Madonna del sasso 1300 s.l.m..   dopo la piccola chiesa si continua passando su un bellissimo ponticello per prendere il sentiero in salita fino al raggiungimento di alcune baite nella zona di Rogo 1302 s.l.m..   da qui proseguiamo sul sentiero 376, attraverso un sottobosco e qual

Monopiede Benro MP 66 e testa Manfrotto 234rc

Il problema dell’uso di un tele un pò spinto, oppure della mancanza di luce con conseguente tempo di posa prolungato, è che si aumenta di molto la probabilità di foto mosse, o comunque meno nitide e dettagliate. Un aiuto può esser certamente dato dall’uso del cavalletto, soluzione che però può risultare ingombrante. In effetti le mie esigenze erano di avere un aiuto per evitare il mosso, ma che non mi desse troppo impiccio. La soluzione è stata l'acquisto di un monopiede, che certo non sarà la soluzione ottimale al problema come un treppiede, ma ricalca perfettamente le mie esigenze. Dopo varie ricerche, la scelta è caduta sul Benro MP-66 in alluminio. Ero certa che Manfrotto sarebbe stata un’ottima soluzione, ma volevo un monopiede che da chiuso fosse il più corto possibile, e così ho scelto quello. L’ho visto in vendita su ebay, dalla Cina, oppure in Italia, sul sito lenola Il Prezzo finale, comprensivo delle spese di spedizione, era praticamente uguale, quindi ho opt

17 novembre

Sono passati 4 anni da quel terribile 17 novembre quando una malattia terribile ti ha portata via. Ci manchi tantissimo anche se sentiamo la tua presenza accanto a noi ogni giorno. ciao Lia.

Renzino Cosson - Santhià

Venerdì 14, ore 21, presso la biblioteca civica di Santhià La montagna incantata di Renzino Cosson Fotografo e scalatore Proiezioni, interviste, narrazioni Il nuovo appuntamento della Compagnia dell’Armanàc questa volta si concentra sulla montagna: immagini e conversazioni intorno alle esperienze di un grande esperto valdostano, che ha collezionato negli anni anche un vero e proprio archivio di diapositive (non digitali) che offrono una interpretazione altamente soggettiva e suggestiva della grandezza dei paesaggi montani di diverse parti del mondo. Questa serata, quindi, conta di far convergere in biblioteca in via Dante 4, oltre ai soliti affezionati, anche tutti gli amanti della montagna che sicuramente avranno a disposizione materiale da apprezzare e domande da rivolgere al protagonista. caspita... mi dispiace non partecipare ... Technorati Tag: eventi , montagna , autori , fotografia , santhià

Gomorra di Roberto Saviano

Acquistato per caso di ritorno dal pgday di Prato. Le prime pagine sono sconvolgenti, realtà dure e lontane in regioni governate dal sistema camorra. Il sistema si chiude tra le persone le sfrutta con il lavoro in nero e le protegge, perchè la camorra protegge i suoi investimenti, spaccio di droga, furti e omicidi brutali sono all’ordine del giorno. Non è raro vedere interi quartieri scesi in piazza per protesta contro l’arresto di qualche boss della mafia. La terra dei fuochi ,la spazzatura che viene bruciata e l’alta incidenza di tumori, la Campania trasformata in una grande discarica abusiva. Libro consigliatissimo, molto toccante e crudo. Gomorra di Roberto Saviano Brossura: 331 pagine isbn: 9788804554509 Editore: Mondadori Prezzo: 15,50 €   Technorati Tag: libri , gomorra , roberto saviano

Rifugio, Lago e Colle della Vecchia

Anche se non sono della valle mi piace dire in giro di esserlo.. i miei genitori hanno una piccola baita da circa 15 anni nella zona, mi sento quasi di casa in questo posto così selvaggio e poco frequentato. E’ un gran piacere ritornare su queste montagne dopo mesi di astinenza forzata in mezzo alle risaie del vercellese. Parto da Santhià… una nebbia terribile… arrivo verso le 9 a Piedicavallo (BI) (1085 m), un sole fantastico,  della valle, non c’è una nuvola, si vedono chiaramente le montagne. Il percorso da seguire e il sentiero E50. Dal parcheggio prendere sulla destra dietro al piccolo bar, si trova un cartello affisso su di un albero che indica E41, a questo punto prendere sulla destra e salire il costone per intercettare il sentiero E50. Si prosegue su semplice mulattiera sempre seguendo E41-E50, nel giro di poco (dopo lo svincolo con E41) si arriva alla piccola frazione di Rosei (1185 m s.l.m. ), una piccola chiesa sulla sinistra e una serie di caseggiati molto be