Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2010

Lago di Mezdovè – Vallone di Clavalitè

partenza: Lovignanaz 1169m arrivo al lago: 2400m dislivello: 1300m Gita Cai Biella , zona della Valle Clavalitè, zona poco conosciuta e poco frequentata. Posto molto bello peccato per tutta la percorrenza da fare su strada asfaltata molto calda e  pesante. Si arriva in macchina a fino al centro di Fenis , poi si seguono le indicazioni  per Val Clavalitè, dopo diversi tornanti e diversi km parcheggiare nell’ultimo parcheggio prima dell’ingresso della valla, ci sono pochi parcheggi, in alternativa parcheggiare molto prima come abbiamo fatto noi (zona Lovignanaz) e percorrere un misto di asfalta e terra per una ora buona…. Si segue sempre il sentiero numero 2, ci si addentra nel bellissimo bosco di conifere e si continua su un misto di strada sterrata e sentiero.Il percorso costeggia il torrente Clavalitè. Arrivati nella zona dell’abitato di Chardonney 1531m si abbandona il sentiero n.2 per prendere il sentiero n.4 in direzione del lago e del colle di Mezdovè (abbandoniamo anche

Alpe Seccio da Boccioleto (VC)

Partenza: Boccioleto (VC) 667 m. Arrivo: Alpe Seccio 1388 m. Dislivello: 721 m. Tempo: 2 ore. Partenza da Boccioleto , io, Stefano, Rubbè e Mauri, verso il rifugio gestito dagli amici Davide e Federica all’alpeggio del Seccio. La giornata è piovosa, con calma, colazione è un poco di indecisione arriviamo a Boccioleto 667m verso le 9:30. Parcheggiamo nella piazza davanti al monumento dei caduti e iniziamo a seguire il sentiero n.387. Il sentiero attraversa Boccioleto e con decisi gradini si alza tra la sterpaglia, in poco meno di 20 minuti incontriamo la fraz. di Ormezzano a m.956 dove un simpatico personaggi ci chiede di portagli su un putagè di ghisa al Seccio… :)   Si prosegue ancora per circa 200m e si arriva alla frazione di Solivo a 1027m dove è possibile raggiungere l’ultimo parcheggio per salire al rifugio. Un ponte di legno da qui si sale con tornanti ripidi seguendo la via della fede segnalata da piccole cappelle votive su tutto il percorso. Il sentiero è co

Colle della Vecchia da Zendelabaz

Da: Zendelabaz - 1021m A: Colle della Vecchia - 2187m Dislivello: 1166m Tempo: 3 ore e 20 Dopo diversi mesi di piacevole pausa dalla montagna riprendo con una bella scarpinata nella bassa Valle di Gressoney. Siamo io, Anna e Pinu, la giornata è nuvolosa, un poco di vento con temperatura mite. Parcheggiamo a loc. Zendelabaz (Gaby) 1021m appena dopo aver attraversato il ponte sulla destra. Si percorre la strada asfaltata che passa a fianco del campeggio, dopo qualche minuto sulla destra si trova la partenza del sentiero 9a . Il sentiero è la vecchia realizzata da Federico Rosazza per facilitare il commercio tra il Biellese e la Valle di Gressoney. La mulattiera è in ottime condizioni e anche molto ben segnalata. Il percorso inizia con stretti tornanti sotto ad un bel bosco. La zona boschiva si apre sull’alpeggio di Lamponey 1341m,con alcune baite abbandonate. Proseguendo si arriva all’alpeggio di Beccaz 1503m e successivamente quello più ampio di Trusinot a 16