Passa ai contenuti principali

Trekking - Rifugio Locatelli - Monte Paterno - Rifugio Comici - Val Fiscalina (BZ)

La prima volta in dolomite, non sono mai stato da queste parti e vi assicuro che è un posto stupendo, le montagne sono bianchissime aggiungo un sapore diverso alla camminata, lo sguardo è imprigionato da queste guglie di dolomia, tra il passaggio delle profonde gole e i pinnacoli che spuntano come dita. La gita è organizzata dal Cai Biella, non potevamo trovare due giorni si sole come questi dopo le piogge della settimana passata. Dopo diverse ore di viaggio da Biella (vi assicuro che in pulmino è veramente lunga... più di 6 ore) arriviamo a Sesto (BZ) in Val Pusteria dopo un veloce pranzo partiamo verso le 13:15. Seguendo la strada non asfaltata (tra i pini cembro) si arriva in 15 minuti al rifugio Fondovalle dove troviamo alcuni stand  di una corsa podistica in corso, tanta gente, posto molto turistico e facilmente raggiungibile anche dai più piccoli. Rimango in coda al gruppo, un po per i miei piedi dolenti dall'ultima gita un po per riuscire a fare con calma fotografie ed aspettare tutti. Il sentiero (unico) è il 101 che poi si biforca, a sinistra prosegue per il rifugio Comici a destra va verso il rifugio Lavaredo. Ovviamente proseguiamo per il rifugio Lavaredo, la strada diventa rapidamente un sentiero (sempre molto comodo e curato) ed iniziamo a salire con un basso dislivello. Il sentiero si accosta al fiume, non è assolutamente ripido, anzi piacevole per fare due parole con i compagni di gita (..bhe.... molti compagni... siamo in 34!). La salita prosegue lungo la Valle del Sasso Vecchio, con lo splendore della Cima Uno e Cima Dodici (questi nomi derivano dall'ora quando il sole rimane a picco sulla cima), la parte detritica ai piedi delle cime indica comunque una disgregazione naturale non da poco (oltre che alla frana del 2007). Sulla destra del Vallone sono presenti le cime di Punta Slavina Lunga e Sasso Vecchio. Risalendo il vallone ad un certo punto il panorama si apre ad una piana dopo aver finito di costeggiare il fiume, da qui si intravedono il lotananza le tre cime che ci aspettano. La ampia piana si apre a due bellissimi laghetti chiamati "i Laghi dei Piani", qui un via vai di persone che vanno verso le cime, molta, molta gente. Si arriva al punta della piana per poi ridiscendere sul rifugio Lavaredo. La serata passa benissimo tra fotografie con il sole a taglio alle bellissime tre cime ed una cena senza pari.

Alla mattina sveglia presto! Si parte anticipando un grosso gruppo del Cai di Bergamo che doveva seguire la Via ferrata, riusciamo a batterli sul tempo e partiamo. Si segue il sentiero subito a sinistra del rifugio, imbrago, casco e set da ferrata. Il sentiero passa accanto ad un curioso pinnacolo roccioso chiamato "La Salsiccia di Francoforte". Proseguendo il sentiero si arriva ad una piccola galleria scavata durante la guerra (tutto il percorso in realtà è stato scava dai militari per proteggere i confini dall'attacco austriaco nel 1915). E' necessario avere la torcia per seguire questo sentiero, la successiva galleria "Paterno" lunga 300m è totalmente al buio. Entriamo nella galleria, 300 metri di scalini, forte umidità, scalini alti, le frontali illuminano il passaggio, attaccati ad una catena che sale per tutta la galleria, qualche pozza d'acqua. Terribile pensare a quello che devono aver passato quei giovani militari in quell'antro buio e umido con un grosso carico sulle spalle, la paura di essere in guerra e la casa lontana. Dopo la scalinata finalmente si esce all'aria aperta e qui inizia la vera ferrata. Attacca dritta ma semplice molto scalinata, nulla di spaventoso. Diciamo che si trova poco ferro per appoggiare i piedi e si mettono giu le mani spesso, ma è piacevole e sempre in sicurezza, molto carina, la dolomia tiene bene sia sugli scarponi che sulle mani, è tutto gradinato e pieno di prese per le mani consumate dal passaggio delle persone. Dopo diversi minuti di percorrenza si arriva alla Forcella del Camoscio 2650m. Da questo bivio prendiamo per il Monte Paterno sulla destra, questo ultimo tratto viene classificato come il più impegnativo, forse perché si appoggiano molto le mani su una semplice arrampicata, per il gruppo non risulta problematico. Dopo questi passaggi si continua su sentierino e sfasciumi e si arriva alla sommità del Monte Paterno 2745m, caratterizzato da una bella Croce e da una vista stupenda grazie alla bellissima giornata.
Seguendo una piccola ferrata in discesa alternativa si ritorna alla Forcella dei Camosci 2650m (intanto un gruppo numerosi di persone era in salita). Da qui proseguiamo verso il "Rifugio Pian di Cengia", lungo un percorso attrezzato, tra fiori e vecchi bunker della guerra. Si segue sempre il sentiero arrivando a diversi piani dopo il panorama lascia sempre senza fiato su queste bellissime gullie di Dolomia. In un'ora circa si arriva al Rifugio Pian di Cengia 2528m dove proprio oggi si corre una maratona montana con 2000 iscritti, tanto casino e qualche problema a passare sui sentieri affollati da corridori. Dal Rifugio si prosegue e arriviamo al Rifugio Comici 2224m, dopo una breve pausa per pranzare rientriamo al Rifugio Fondovalle in circa un'ora e trenta. Dopo essere saliti sul pulmino rientriamo a casa dopo le 23:00 (non vi dico il traffico...). La gita è andata molto bene grazie a Mario e Silvano per l'organizzazione e la bella giornata.



partenza da sesto, prati verdi e il pini Cembro

il gruppo in movimento

panorama spettacolare


Rifugio Fondovalle




Frutto del Camedrio - Dryas octopetala


Cima Uno e Cima Dodici sotto il sole

Gentianella sp.

Verso la Piana



I Laghi dei Piani

La croce prima del Rifugio Locatelli


Le tre cime al tramonto

Si parte per il Monte Paterno e la Ferrata Innerkofler


Questo curioso masso, la Salsiccia di Francoforte

Uscita della prima piccola galleria

Verso la Galleria Paterno


Attacco della Ferrata

verso la forcella del camoscio


Verso la Forcella del Camoscio


Ultimo tratto dalla Forcella del Camoscio



la croce sul Monte Paterno

Vista dal Monte Paterno

Vista dal Monte Paterno

Verso il rifugio Pian di Cengia



Verso il rifugio Pian di Cengia

Verso il rifugio Pian di Cengia

bunker

Corsa passaggio al Rifugio Pian di Cengia

Rifugio Comici

Rientro le ultime Dolomiti





Dal Rifugio Locatelli

Dal Rifugio Locatelli


Panoramica dal Monte Paterno


Da Sesto al Rifugio Locatelli:
Nome: 08/09/2012 13:15
Distanza totale: 7,34 km
Tempo totale: 3:50:33
Tempo di spostamento: 2:14:54
Dislivello massimo: 2455 m
Dislivello minimo: 1496 m
Dislivello: 1112 m


Via ferrata al Monte Paterno:
Nome: 09/09/2012 07:17
Distanza totale: 2,50 km (1,6 mi)
Tempo totale: 1:42:35
Tempo di spostamento: 44:16
Dislivello massimo: 2789 m
Dislivello minimo: 2446 m
Dislivello: 432 m


Dal Monte Paterno al Rifugio Comici:
Nome: 09/09/2012 09:12
Distanza totale: 6,17 km
Tempo totale: 3:42:10
Tempo di spostamento: 1:46:42
Dislivello massimo: 2821 m
Dislivello minimo: 2287 m
Dislivello: 464 m

Dal Rifugio Comici al Rifugio Fondovalle:
Nome: 09/09/2012 13:25
Distanza totale: 4,85 km
Tempo totale: 1:37:47
Tempo di spostamento: 1:16:43
Dislivello massimo: 2328 m
Dislivello minimo: 1577 m

Da Sesto al Rifugio Locatelli


Ferrata al Monte Paterno dal Rifugio Locatelli

Dal Monte Paterno al Rifugio Comici

Rifugio Comici rientro a Sesto


Cartografia: Kompass - n.047 1:25000 - Parco Naturale delle Tre Cime di Lavaredo


Commenti

Anonimo ha detto…
Grazie del 'resoconto' e soprattutto della compagnia!
Comunque... ammettilo, sei rimasto indietro per aspettare me ;)

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru