Passa ai contenuti principali

Corso Cai - Monte Cevedale

Il tempo non promette bene, si parte alle 5:00 per Santa Caterina Valfurva. Arrivati troviamo delle jeep che ci attendono per portarci fino al "Rifugio Ghiacciaio dei Forni" 2000m, si apre una bellissima valle immersa nel parco dello Stelvio.

Si parte a piedi in direzione del rifugio Pizzini Frattola 2700m a circa 1:20 di marcia tra mulattiere, sentieri e qualche nuvola bassa.

IMG_4039

IMG_4047

IMG_4043

IMG_4053

IMG_4063

 

IMG_4075

 

Dal rifugio iniziamo una salita molto verticale per raggiungere il Rifugio Casati 3200m. La guide e il sito internet dicono di un percorso di circa un'ora e mezza ma non indicano la strada, noi iniziamo a salire brutalmente in verticale in mezzo a neve e sfasciume roccioso, la salita è abbastanza pesante un passo in avanti e due indietro in mezzo a terra smossa e massi che si sgretolano al nostro passaggio.

IMG_4069

In conclusione riusciamo raggiungere il rifugio Casati in più di 3 ore. Prima del casati si trova il rifugio Guasti che è chiuso.

IMG_4080

Il Casati è un bel rifugio moderno e bene attrezzato, entrando dalla porta sulla balconata si trova sulla destra si trova una sala sempre riscaldata per gli indumenti da far asciugare, sulla sinistra si apre la parte giorno e al secondo e terzo piano moltissime stanze.

IMG_4113

 

IMG_4115

La temperatura è fresca, parecchio, il pomeriggio scorre tranquillo, ci sistemiamo nella stanza da 6 al secondo piano e poi verso le 19 si cena. Un piatto di pasta, del brasato, acqua (mezzo litro = 2 Euro....), un bicchiere di vino e un dolce tipo budino. Davide si la menta che vuole i pizzoccheri. I rifugisti non sono molto cordiali.... e per giunta un mal di testa terribile mi attanaglia (mi dicono che è la quota).

La serata passa tranquilla tra fotografie sulla balconata del rifugio (tra qualche nuvola che copre il monte Cevedale), qualche parola davanti a del tè caldo.

IMG_4136

Ora di dormire come al solito Davide russa tutta la notte come un tritone...

IMG_4124

Per la mattinata successiva è prevista la salita al monte Cevedale, la finestra di bel tempo è fino alle 12, chiediamo di avere la colazione presto in modo da partire rapidamente per sfruttare il bel tempo, ma il rifugista non vuole darci la colazione presto e dovremmo partire un'ora dopo il nostro programma....

Appena sveglia facciamo rapidamente colazione, vengo messo in cordata con Marco ed Ezio. Dopo esserci inbragati e assicurati in conserva procediamo sulla neve compatta senza l'uso dei ramponi.

IMG_4140

Il percorso è il leggera salita tra una marea di neve, un vento molto forte con del leggero nevischio.

IMG_4147

Dopo circa un'ora di marcia arriviamo quasi nei pressi dell' anticima del monte Cevedale, la nebbia si è alzata e solo raramente si intravede la punta, il vento soffia forte, il gruppo decide per proseguire solo fino ad una salita verticale verso l' anticima su un pendio di circa 50°.

IMG_4148

IMG_4098

Arrivati sulla sommità del pendio mettiamo i ramponi e scendiamo per ritornare al Rifugio Casati, la nebbia è fitta e seguiamo a ritroso le tracce, la sensazione è abbastanza di claustrofobica......

IMG_4126

Rientrati al rifugio una seconda colazione veloce, un fetta di torta trasparente, un tè e una bottiglia d'acqua (8 Euro... OTTOEURO!!!!).

Riformiamo la cordata e scendiamo, questa volta invece di scendere dalla zona dello sfasciume scendiamo da un canalone e in meno di 1 un'ora siamo al rifugio Frattola, naturalmente con ramponi e in conserva. Durante il percorso di discesa vengo messa in mezzo alla cordata da 3 e ogni tanto l'istruttore Marco, che mi precede, mi lancia qualche insulto in piemontese stretto perchè non tengo la corda in tiro....

Arrivati al rifugio Frattola ci sleghiamo e proseguiamo per il Rifugio dei Forni a circa 1:30 di marcia dove ci aspetta un buon piatto di Pizzoccheri e poi la discesa con le jeep a Santa Caterina Valfurva dove ci aspetta il bus. Naturalmente sotto ad un misto di pioggia  e neve.

 

 IMG_4151

 

primo giorno

cevedale

 

secondo giorno

cevedale2

tracciati gps

altre foto

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru