Passa ai contenuti principali

Trekking al Rifugio A.Rivetti (BI)

Rifugio A. Rivetti (Biella)

Una avventura in solitario, una giornata di trekking per ammirare le bellezze della montagna, l'aria fresca , i panorami che tagliano il cielo e la selvaggia Valle Cervo.

Primia di partire uno sguardo al meteo tanto per non incappare in una brutta giornata.

Preparo lo zaino per una giornata di trekking light:

Zaino explora da 40 litri.

Giacca Antivento

Coltello multiuso

Calze di riserva

Maglione di cotone

Poncho

Due borracce in alluminio da 75

Viveri

Cerotti, paracetamolo, zucchero, antidolorifico, disinfettante, garza e bende, integratori minerali.

Stringhe di riserva per gli scarponi

Macchina fotografica.

Piccolo Cannocchiale

Fazzoletti di carta

Torcia elettrica

Lettore mp3

Gps

Cartine della valle

Cartine: le ho trovato in vendita nel centro turistico di Piedicavallo che si trova in un bar entrando in paese sulla destra dove vendono anche giornali.Le cartine sono georeferenziate sulla stessa unità di misura del mio gps, quindi molto comode.


Sveglia alle 6:50, due biscotti e caffè d'orzo, arrivo a Piedicavallo alle 8:00, parcheggio al fondo della strada, ovvero arrivando a Piedicavallo all'inizio del paese si prende una discesa sulla sinistra e si continua fino al fondo della strada dove ci sono diverse possibilità di parcheggio.

Si entra a piedi in paese e sotto la chiesa si trovano le prime indicazioni per il rifugio Rivetti la segnletica del gta indica 3 ore di marcia.

Da questo punto inizio a salire, l'aria è fresca e umida per le piogge dei giorni precedenti.

Si segue il sentiero contrassegnato da E60 e si costeggia il Torrente Mologna per quasi tutti il sentiero fino a dove nasce sul monte Mologna, le piogge dei giorni precedenti hanno aumentato notevolmente la portata del fiume, alcuni rivoli che attraversano i sentieri sono diventati dei veri e propri fiumi da guadare.

Si arriva ad un piccolo blocco di case a 1200 metri, un piccolo alpeggio con diversi pascoli con le mucche.



La Montà


Si continua proseguendo sulla mulattiera

Il sentiero

e si arriva all’incrocio con il sentiero E61 caratterizzato da un bel ponte che attraversa il Torrente Mologna e porta ad un gruppo di Baite sulla sinistra.

Il ponte per E51

Dopo circa 40 Minuti di arriva al Rifugio Olimpia lo si trova sulla destra. Proseguendo si arriva al bivio, una zona pianeggiante attraversata da più parti dal Mologna dove si trovano diversi diramazioni per altri sentieri. Si prosegue e la strada inizia a salire in modo accentuato.

Si raggiunge l’Alpe Lavazey a 2048 metri, un zona con diverse Baite diroccate, il tempo è brutto ed inizia a scendere una pioggerellina fastidiosa.

Siamo quasi al Rivetti

Manca poco al rifugio quando noto della neve sulle fiancate della montagna in ombra sul sentiero per arrivare al rifugio.

Il rifugio Rivetti

la neve è alta e molto molle, si affonda fino al ginocchio....

Un Metro di Neve

finalmente sono arrivato al rifugio tot time 2:20 senza soste.

Il rifugio Rivetti

cerco di continuare la salita per raggiungere il mologna grande e la cima tre vescovi ma la neve mi ferma, è impossibile continuare, il sentiero non è segnato ed è coperto da quasi 1 metro di neve.

Riesco ad arrivare fino alla parete delle madonnina dove mi fermo a riposare e a fare qualche foto del panorama che mi si apre davanti agli occhi.

Scala per la parete della Madonnina

La valle Cervo:

La valle Cervo

Panorama

Panorama

Panorama

Le selle di Rosazza

Le selle di Rosazza



360 gradi dalla terrazza del Rivetti


Panorama dalla terrazza del Rifugio


Il percorso


Cartina

04 La montà
05 Rifugio Olimpia
06 Rivetti
07 Parete della Madonnina
08 Lavazey
09 Incrocio E60/E65
10 Svincolo E61

Tracciati GPS

Ritorno a metà pomeriggio, soddisfatto dello spettacolo paesaggistico con un piccolo dispiacere per non aver raggiunto la “Punta tre Vescovi”. Mi ripropongo di raggiungerla a metà luglio.

alcuni link utili:

http://www.piedicavallo.com

http://www.osservatoriodioropa.it

http://www.bielmonte.net

http://www.montagnabiellese.com

Commenti

Anonimo ha detto…
ciao, sono capitata sul vostro blog per caso, cercando notizie sul pastore che sale (saliva?) al rivetti con un gregge di pecore... buone gite in montagna!
Anonimo ha detto…
bel blog! praticamente sei sempre dietro a casa mia!;)
bravi, belle gite ed ecursioni...e quella marzia lì, gira che ti rigira, me la trovo sempre in mezzo! :lol:
elena/jaelle di montagna forum
Davide ha detto…
Davvero suggestivo....

http://taccoepunta.blogspot.com/

Saluti Davide
Anonimo ha detto…
Bella escursione.Piace anche a me talvolta andare in solitaria.


un saluto
Unknown ha detto…
Ciao,sono capitata "qui",perchè è dall'anno scorso che medito di andare al Rivetti..forse quest'anno ce la potrò fareeee :)
Grazie delle info e delle immagini

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru