Passa ai contenuti principali

Riserva Naturale della Bessa (BI) - Trekking - Percorso delle incisioni rupestri

Distanza totale: 3,54 km
Tempo totale: 1:50:36
Tempo di spostamento: 1:31:23
Dislivello massimo: 418 m
Dislivello minimo: 379 m
Dislivello reale: 240 m
Creato da Google My Tracks su Android.

Ultimo giro del 2012, giornata bella.Con Cinzia decidiamo per una meta naturalistica, binocolo e macchina fotografica.
La nostra tappa è la Riserva Natuale Speciale della Bessa, situata ai piedi della Sera di Ivrea. Cava aurifera sfruttata nel periodo Romano.Questi deposito sono di formazione glaciale risalenti a circa 800.000 anni fa. Il torrente Viona a poco erose parte dei depositi morenici e portò alla luce molti massi erratici nel terrezzo superiore del parco. Prima dello sfruttamento minerario il terrazzamento superiore era un altipiano diviso in piccole valli e la parte sottostante è stata erosa dal fiume Viona ed è un deposito di sabbia e ghiaia sempre data dallo sfruttamento minerario.La riserva ha una estensione di crica 7.5 Km/q

Arriviamo nella Frazione di Vermogno (Zubiena) (BI). Parcheggiamo presso il centro visite del parco e subito non possiamo fare a meno di notare le montagne di massi presenti in zona. Massi che sono state spostate durante la coltivazione del giacimento aurifero nel periodo Romano.

Il sentiero, ovvero il percorso delle Incisioni Rupestri, molto ben segnalato e ci guida tra i boschi e le montagne di pietre. Nella prima parte il sentiero è ricoperto da folgie di Castagni e Farnie, in questa stagione il Pungitopo con il suo colore verde spunta dal marrone del bosco spoglio, solo qualche frutto rosso spunta dai cespugli. Non mancano le felci come il Polypodium e vari tipologie di funghi e muschi. Seguendo sempre il percorso è possibile percorrere delle deviazioni per varie zone di massi incisi risalenti ancora prima del periodo Romano dove gli schiavi erano costretti a cercare oro e vivere direttamente nei pressi della cava (oltre 5000 schiavi): queste testimonianze sono segnalate dai vari massi e buche scvate per proteggersi dal freddo. All'interno di queste buche sono stati ritrovati monili risalenti alle epoche di estrazione del prezioso materiale.
Seguendo una delle deviazioni per la palude si attraversa una bellissima zona di larici si arriva alla palude totalmente ghiacciata, bellissimo spettacolo in un ambiente totalmente addormentato.La palude è delimitata nel terrazzo superiore della Bessa e veniva utilizzata per la macerazione della Canna e come apporto idrico alla miniera.
I massi incisi sono per lo più delle coppelle scava tra di loro e collegate, simboli arcaici lontani dal tempo. Tutte le incisioni sono ben segnalate ed è possibile raggiungerle per fotografarle.

Tra i volatili avvistati da Cinzia abbiamo il Picchio Verde, Picchio Muratore, Regolo e il Fiorancino.






Ruscus aculeatus - Pungitopo




Dicranum scoparium Hedw.

Tra le Quercie


Polypodium vulgare L. - Falsa Liquirizia o Felce Dolce

Thuidium tamariscinum (Hedw.)


Masso del Riparo






tra Castagni e Farnie

Palude



Masso del Campionario












Cartografia: Carta dei Sentieri "Il Biellese sud-occidentale" Foglio 3 - 1:25.000

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso