Passa ai contenuti principali

Via Ferrata di Cesana Torinese - Rocca di Clarì


Difficoltà: D+
Sviluppo: 700m
Tempo: 2 ore e 40 min.
Dislivello: 500m
Gradini: 300

Partenza:1557 m
Arrivo: 2093 m
Giro completo: 4 ore e 40 min.

Penso che sia la più impegnativa della Val Susa, immersa nelle bellissime Gorge di San Gervasio.
La ferrata è attrezzata con fittoni e cavo in acciaio ricoperto di platica (molto comodo). Pochi gradini e molta arrampicata. Felicissimo di percorrere questa bella ferrata con il socio di mille avventure Fulvio!

La ferrata è lunga e in alcuni punti molto carina per l'esposizione al vuoto e la bellezza degli spigoli tutti da arrampicare con pochi gradini in aiuto. Alcune uscite dalle placche verso le creste sono delicate ed è facile trovarsi esposti al vuoto magari passando sopra ad una piccola cengia prima di trovare il gradino comodo

Viene divisa in più blocchi, ognuno con il suo nome apposto su una targa lungo il percorso:

1 La luna (la prima parte, i gradini tendono a creare sbilanciamento in salita, consiglio di appoggiare i piedi al di fuori dei gradini per il bilanciamento)
2 Far West Crossing (passaggi su spigolo in piedi)
3 Fungo Magico
4 Canale delle Bomba
5 Passo della Birra
6 Vista dei Camosci (passaggio in bosco)
7 Le taniche (zona di passaggio in piano)
8 Cengia "Super Calcaire" (placcona con uscita delicata su piccola cengia)
9 Costone della Pineta
10 El Paso Doble 
11 Terrazza del generatore (zona di passaggio in piano)
12 Gran Pilastro (uscita esposta)
13 La Crepa (salita laterale con uscita esposta)
14 la Scala bionica (scala su una bella placca, alcuni passaggi esposti quando si scavalla lo spigolo)
15 Terrazza del cippo (terrazza con il cippo finale)


Foto di Fulvio Pascotto



Foto di Fulvio Pascotto

pilastri di origine marina


Foto di Fulvio Pascotto


Foto di Fulvio Pascotto


Foto di Fulvio Pascotto



pietraia a conoide
pietraia conoidale (vista dei camosci)

Salita vertifinosa
scala bionica vertiginosa su placca, uscita su cresta esposta



Arrivati alla fine della ferrata seguire il sentiero dei ciaspolatori che rapidamente porta fuori dal bosco di conifere e il panorama si apre ad una bellissima valletta dove al suo centro troviamo una zona di torbiera (troviamo nel senso che ci finiamo dentro.... proprio dentro a mollo con tutti gli scarponi...), insomma si costeggia questa torbiera e si rintraccia la strada sterrata che si dirige verso gli impianti da sci (zona la Coche).

Foto di Fulvio Pascotto
La Coche

Pietraia di origine glaciale
conglomerato

In questa zona meta di attività invernali sono presenti alcune aree di ristoro (chiuse..). Seguendo la pista da sci si scende fin quasi all'abitato di Claviere, ci si tiene sulla destra e si seguono le indicazioni per il ponte tibetano.


Foto di Fulvio Pascotto
camoscio nella zona di Claviere

Si percorre una scala ripida fino a ritornare nelle gorge (dove parte il ponte tibetano) dove una bellissima cascata sulla Piccola Dora indica l'inizio della passerella che percorre le gorge.


Attenzione!!! in alcuni punti la passerella non è molto agibile a causa di frane e rotture della pavimentazione (pericolo di finire a mollo.. !! ).


Le GORGE di SAN GERVASIO

Foto di Fulvio Pascotto
Sentiero sulle Gorge molto poco stabile

Le gorge di San Gervasio ( si presume la formazione di questo orrido dopo il ritiro dei ghiacciai circa 10000 anni fa ) sono un formidabile insieme di rocce Calcareo-dolomitiche, tutta la valle è stata plasmata dai ghiacciai e dal passaggio della Piccola Dora che arriva ad una creare un canalone anche profondo 100 metri.La zona delle gorge rientra nel progetto "Monti nati dal Mare" tutela la zona della Alta Val Susa essendo una testimonianza rimanente del grandissimo tesoro geologico un frammento dell'antico oceano prealpino, un lembo del suo fondale che conserva rocce e fossili unici nell'intero arco alpino.

Questi movimenti geologici sono visibili anche sulle pareti delle Gorge

Placche delle GORGE di SAN GERVASIO

oppure sulle striature presenti sul fianco di questa montagna che identificano i sedimenti oceanici ribaltati, schiacciati e modellati dai ghiacci.

Montagne Marine modellate dal ghiaccio





dettaglio del pannello




Tra le viarie rocce di calcare e gneis spunta le bellissima Globularia Cordifoglia con il suo stupendo colore.

Globularia cordifolia
Globularia Cordifoglia 

Miosotide nano
Nontiscordardimé alpino - Myosotis alpestris


Trollius europaeus - Botton d'Oro
Botton d'Oro


Narcissus radiiflorus  - Narciso a fiori raggiati
Narciso a fiori raggianti





Le Gorge




Foto di Fulvio Pascotto
grazie al socio Fulvio per la bella gita

ferrata_di_clari
su google earth


Commenti

Unknown ha detto…
Bellissima Ferrata, ben attrezzata, non estremamente impegnativa, ma molto emozionante in alcuni punti.

Fulvio

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso