Passa ai contenuti principali

Alberi Monumentali di Vercelli - il Liquidambar


Chi arriva a Vercelli non può notare tutti i viali alberati che circonda il centro storico. 
Nel Parco Kennedy nei pressi della stazione ferroviaria si trovano molti alberi tra cui i bellissimi e imponenti Liquidambar.

Albero alloctono di origine Americana  (Florida e Messico) utilizzato in Italia come ornamentale a rapido accrescimento.

Le varie specie esistenti:
  • Liquidambar chinensis
  • Liquidambar formosana
  • Liquidambar macrophyll
  • Liquidambar orientalis
  • Liquidambar peregrina
  • Liquidambar styraciflua

Tronco
Colore grigio, divisione in scaglie verticali.

Foglie
Lamina: Palmato-lobate.
Nervature: Rettinervia-Palminervia.
Colore: verde lucido che vira sul giallo.
Margine Fogliare: Seghettato
Apici Fogliari: Accuminati
Disposizione: Foglie opposte.
Caducifoglie.

Questa specie in Italia valore possiede valore commerciale,  negli Stati Uniti Meridionali viene ancora oggi coltivata per la resina, ottenuta con la spremitura della corteccia, che viene impiegata per produrre adesivi, unguenti, profumi e incenso.



il fusto


il frutto



la foglia



 In Piazza S.Eusebio a Vercelli si trova un bellissimo Liquidambar monumentale di circa 200 anni.









Cenni storici


Arrivati ad una stabilità pacifica dalla guerre che hanno devastato la città di Vercelli, considerata di confine piemontese, nel 1747 apparve il primo grande viale, formato da quattro file di platani, noto come "lea vègia" (il suo ultimo avanzo si chiama oggi corso S. Martino); Nel 1760, venne conferito l'incarico ad uno dei più geniali architetti piemontesi, il conte Benedetto Alfieri per la realizzazione dei nuovi viali. Tra il 1803 e il 1814, furono realizzati gli attuali corso Italia, corso De Gregori, piazza Solferino e piazza Mazzini. Infine, con la messa a dimora di trecento alberi, fu delineata quella che poi, dopo varie modificazioni, diverrà piazza Camana.

I due esemplari

I due esemplari di liquidambar sono alti rispettivamente 28 m e 20 m ed hanno un diametro di 4,70 m e 3,40 m; entrambi hanno un'età presunta di 200 anni circa. Il più grande dei due esemplari ha un bell'aspetto imponente ed una chioma regolare con un lieve sbilanciamento in direzione del sagrato del Duomo, il tronco si dirama in tre grandi branche primarie. Il secondo ha il tronco che si divide in quattro branche primarie.


Per vedere tutte le varianti di questo albero seguite questo link.


fonti: wikipedia, Regione Piemonte 1 2, R.Ordano,
foto: M.Berri

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru