Passa ai contenuti principali

Anelli di totano con piselli

Stavamo facendo la spesa al supermercato, e passando davanti al banco del pesce, abbiamo deciso di prendere 2 trote da fare al forno. Mentre io facevo coda, Marco è proseguito nella spesa. Quando è stato il mio turno, ovviamente non ho resistito a non prendere altro. In particolare, mi ispiravano gli anelli di totano, che è una vita che non mangio. Non volendo impregnare la casa di fritto, ho pensato di farli in umido, con dei piselli. Ecco la ricetta.

450 gr totani anelli decongelati
350 piselli surgelati
200 gr polpa pomodoro
3 filetti d'acciuga sott'olio
aglio
cipolla
1 bicchiere vino bianco
olioextravergine
sale, pepe q.b.

Per cucunare ho usato una pentola della AMC con il sistema Secuquick: praticamente simile ad una pentola a pressione, solo che cucina più uniformemente ed è meno aggressiva.


Ho fatto soffriggere 1 spicchio d'aglio con poca cipolla e le tre acciughe, aggiunto i calamari, lasciato ancora 3 minuti e poi sfumato con  un bicchiere di vino bianco. Dopo 5 minuti, ho levato lo spicchio d'aglio e aggiunto il pomodoro e i piselli, poi coperto e lasciato cucinare 10 minuti dal momento in cui la pentola entra in pressione.



E' tutto cotto, anche troppo, quindi potrebbero bastare anche solo 5 minuti, e magari aspettarne altri 5 a pentola ancora chiusa. Comunque gli anelli sono tenerissimi, per nulla gommosi, e il risultato è molto invitante.


Commenti

heidi ha detto…
Per fare fritture di totani e far profumare poco la casa di fritto, io ho escogitato questo sistema:
compro totani congelati già pastellati, li adagio su una teglia con sopra carta da forno e cuocio a 200° per 20, 25 min. in tutto, giro il fritto una volta sola dopo circa 10 12 minuti. Viene bello croccante, fai poco odore ed è più leggero di una frittura tradizionale. Un consiglio, quando metto i totani in teglia, non li faccio scongelare, ma li inforno belli congelati, altrimenti la frittura viene moscia. La stessa cosa vale per merluzzo già impanato, dobloni e bastoncini di pesce in genere. Viene molto buona.
Bellissime le foto delle vs ciaspolate.
heidi
Cinzia ha detto…
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Cinzia ha detto…
Direi che quella del forno è l'unica soluzione alternativa che si possa usare. Un paio di volte ho messo gli anelli già impastellati surgelati nel microonde. Prima con cottura normale, cosicchè si scongelassero e cuocessero, poi con la funzione crisp, per farli dorare. Però rimangono asciutti, e alla fine si impiega poco meno del tempo che hai indicato nel tuo suggerimento. Quindi... w il forno!!
Tra l'altro, leggendo il tuo commento mi è proprio venuta volgia di anelli fritti, e oggi li ho comprati al supermercato. A breve il mio forno avrà un incontro ravvicinato con loro :)

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru