Passa ai contenuti principali

Aim – MyTach

Michela di AIM mi contatta nei primi di dicembre 2008 proponendomi di provare il suo MyTach, gps da polso adatto a tutte le attività sportive. L’analisi e critica del prodotto sarà principalmente rivolta verso i due sport che pratico principalmente ovvero la corsa e il trekking.

Il prodotto è realizzato dalla ditta Aim, da quello che vedo deve essere il primo prodotto sportivo personal trainer gps della serie. Il dispositivo è Made in Italy.

Il prodotto è un ricevitore Gps NEO5, 50 canali,diverse frequenze di acquisizione in base al tipo di sport dettagli.

La proposta sembra interessante e coprire ambiti sportivi diversi con un solo strumento non è cosa semplice.

Ecco quello che attualmente utilizzo:

Corsa: orologio gps integrato con cardiofrequenzimetro, attualmente utilizzo il Polar RS200 con gp1

Trekking: Garmin eTrex, comodo con due pile da 1,5 volt ricaricabili, per i trekking di più giorni basta portarsi dietro qualche pila di ricambio, altimetro digitale e resistenza alle basse temperature.

Quello che mi servirebbe come strumento unico: Gps da polso con batterie ricaricabili magari mini stilo, con cardiofrequenzimetro, altimetro digitale, calcolo delle calorie ovvero un misto tra il Rs200 ed eTrex, magari con memoria espandibile con qualche scheda mini XD o SD anche non necessariamente cartografico.

Il 23 dicembre arriva il pacco con il MyTach e sono pronto per iniziare i test.

Unboxing:

 MyTach Test

nella confezione trovo:

MyTach gps, manuale guida, postazione per ricarica/download, cavo usb convertibile con l’apposita spina in alimentatore e appoggio per manubrio.

Colpiscono subito le dimensioni e spessore, la plastica è nera ma al contrario delle sue dimensioni è molto leggero. La mia bilancina segna 80 grammi.Il cinturino è rigido e da la sensazione di robustezza, mancano i classici fori per far respirare la pelle negli sport in cui si suda in modo particolare che sagoma e rende più stabile sul polso.

MyTach Test

MyTach Test

MyTach Test

Sulla scatola viene segnalata la presenza di software all’interno del pacco ma non trovo nessun cd.

Non sarebbe male avere compreso anche una custodia magari una borsina nera con chiusura modello Polar.

Manca il cardio frequenzimetro per integrarlo con una vero sistema di training per la corsa, risulta molto importante sapere calorie e pulsazioni quando si corre.

Manca la selezione della lingua, non sarebbe male avere le info in italiano.

I bottoni grossi e distanziati facilitano l’uso in qualsiasi condizione sia correndo che arrampicando, molto comodo.

In casa non aggancia il satellite, lo posiziono in esterno, e come promesso dal manuale in meno di 2 minuti ecco agganciati i satelliti, fantastico!! Non sarebbe male avere la precisione espressa in metri del gps, in caso dell’uso dell’altimetro sarebbe fondamentale se la precisione di rilevazione è più o meno 20 metri.

Il primo test è da casa, fino a Vercelli percorso a piedi e treno. Il gps prende 8 tacche sempre molto buono. Vorrei segnare dei punti modello waypoint Garmin ma posso solo registrare dei Lap per marcare i punti.

Secondo test, bhe… sono un poco carico, ho un MyTach al polso, al polso destro il Polar rs200 la fascia cardiaca, il gp1 al braccio destro e l’ipod…. appena esco di casa il MyTach aggancia subito il segnale il gp1 dopo 200m di corsa in luogo più aperto, delta di distanza che mantengo fino alla fine quindi i due strumenti sono quasi allineati.Il MyTach è configurato in modalità ricezione “generic” ovvero con precisione di campionamento sui 4 Hz.

 

MyTach Test 

Dal dettaglio sotto il percorso è preciso, posso quasi pensare che il percorso traslato sia a causa della scarsa precisione del campionamento di Google Earth.

MyTach Test

 

Terzo test:ciaspolata nella zona di Bardonecchia, arrivo attivo il MyTach modalità “generic”, percorro boschi, canaloni salita e discesa, casco nella neve, di tutti i colori…ma il MyTach non scende mai sotto le 8 tacche di ricezione gps… molto bene!!!

a fine giro lo fermo, arrivo a casa scarico sul software SportsAgenda, click sulla traccia e mi dice che non ci sono Lap inseriti e non posso visualizzare nulla!!!!!!! non poso neanche salvare la traccia in formato per Google Earth.Esporto dal programma i dati, tento di reimportarli e mi dice che non sono generati dal MyTach!!!!!

MyTach Test

Aggiorno il software alla versione del 18-12-2008 ma non c’è speranza… azz… invece il mio vecchio Garmin eTrex con tutti i suoi acciacchi non mi lascia a piedi… ecco il risultato del Garmin

Ma non demordo, contatto Michela della Aim per sottoporre il problema riscontrato. Quelli dell’Aim mi richiedono tutti i dati, trovano il baco e mi segnalano che nella prossima release del software sarà presente sistemato il problema. Dalle vari scambi di mail emerge che la modalità generica a solamente un’autonomia di 1,5 ore, la bike 8 ore e la motors 2,5 quindi per il trekking è consigliata la modalità Bike che proverò nelle prossime uscite in montagna.

Quarto test

Corsa in modalità “Running” (campionamento ad 1 Hz), mi preparo delle videate custom, così posso monitorare diversi parametri (anche il Polar ha la stesse modalità).

corsa_per_santhià_gh

corsa_per_santhià

MyTach viene integrato con il pc con il software SportsAgenda compreso di driver per connettere il dispositivo al pc.

       MyTach Test

MyTach Test

Tiriamo le somme…

Bel prodotto a costo contenuto, ottimo rapporto qualità/prezzo adatto a chi inizia a fare sport leggero oppure non ha eccessive esigenze. Ottimo per il trekking e l’alpinismo in giornata.

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso