Passa ai contenuti principali

Via Ferrata Bethaz-Bovard

Partiamo con il gruppo escursionistico del Cai di Biella per due giorni tra le montagne della Valgrisenche. Arriviamo al paese di Valgrisenche, parcheggiamo dove finisce la strada (non so darvi molte indicazioni, ero in macchina con Marco e continuavo a parlare e non ho fatto caso alla strada). La valle è molto bella anche se investita dalla bruttura di una diga costruita e mai entrata in funzione.

 La Valgrisenche

La diga

La giornata è molto bella e soleggiata, siamo parecchio carichi (ho pesato 15 kg di zaino), infatti oggi ci tocca la ferrata, raggiungere il rifugio degli Angeli e domani mattina la salita su ghiacciaio fino alla Becca du Lac, quindi ho dietro ramponi, piccozza, corda e vestiti pesanti per il ghiacciaio.

Prima di partire Riccardo ci spiega rapidamente come funziona una ferrata e la differenza con quelle Dolomitiche.

IMG_4443.JPG

La salita inizia semplice, i primi 5 metri sono ripidi e il leggero strapiombo ed è forse l'unico tratto atletico della salita. In gruppo siamo circa una ventina e la salita procede lentamente per aspettarsi, tra il gruppo ci sono anche persone che non hanno mai fatto una ferrata.

Dopo una bella scalatina di metri si arriva alla fine della prima parte, la ferrata termina su di un sentiero che si può utilizzare come via di fuga per ritornare alle macchine, ci fermiamo e raccogliamo il gruppo che arriva.

Per tutto il percorso ho avuto il mitico Ezio davanti, la via non era molto emozionante e neanche atletica, una lunga scala in salita.

Ezio

 

Il secondo blocco esce dalla vegetazione e ci fermiamo su una specie di pascolo dove naturalmente ci sono dei sentieri con le eventuali vie di fuga, iniziamo a seguire il sentiero che ci porta sotto delle rocce in strapiombo, più che ferrata un sentierino attrezzato nella parti più difficili.

L'ultima parte è la più carina, si trova un passaggio atletico dove si sale seguendo una bella cresta.

Verso la cresta

La ferrata termina sulla punta della Becca dell'Aouille dove si trova un ripetitore che si nota per tutto il tratto della ferrata.

Il ripetitore alla fine della ferrata

Sono circa 1000 m di ferrata (1661 a 2605) fatti in 4:00 ore (con calma  aspettando tutto il gruppo)

A mio giudizio la ferrata non è molto bella, molto panoramica sulla valle ma c'è tantissimo ferro, proprio tanto! uno scalino ogni spanna e in alcuni tratti addirittura due cordoni di ferro, uno per parte!

 IMG_4457.JPG

 

ferrata_bethaz_bovard

 

 

tracciati gps

altre foto

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru