Passa ai contenuti principali

Ferrata "Carlo Giorda" alla Sacra di S. Michele

Io e Davide passiamo a prendere Fulvio a Torino e ci portiamo verso la ferrata più lunga della zona. Alcune descrizione molto accurate parlano di una ferrata dalle 5 alle 6 ore.

Arriviamo a Sant' Ambrogio, (350m), direzione Susa sulla sinistra a fianco del monte Pirchiriano si trova un piccolo parcheggio (poco visibile)  che identifica la partenza per la ferrata.

 Cartellonistica

Un bella giornata di sole, parte del percorso è in ombra.

Poco ferro, pochi gradini e piccoli passi di arrampicata di I grado.

 La prima parte di salita

 

Semplici passaggi iniziali

La prima via di fuga.

 Via di fuga

La seconda via di fuga. La seconda parte della ferrata inizia dopo circa 15 minuti di passeggiata su di un piccolo sentiero in mezzo ad un bosco su di un sentiero attrezzato per girare sull' altro lato della montagna.

 

La seconda via di fuga

Panoramica dal lato della seconda via di fuga.

 

 

Un finto ponte tibetano (alto da terra 3 metri scarsi....) .

Il finto tibetano

 

Quasi sulla cima Fulvio trova un tubo di plastica contenente il libro di vetta che firma in ricordo della salita.

Fulvio compila il libro di vetta

Si arriva al fondo della ferrata ed ecco che spunta la Sacra.

La sacra alla fine della ferrata

 

Si incontra la centrale antincendio boschivo della regione e poi il fianco della Sacra.

Sacra S.Michele - Le mura perimetrali

 

Sul percorso finale si trova anche la grotta di San Vincenzo, un grottino votivo di qualche metro scavato nella roccia.

 Grotta di S. Vincenzo

Arrivati quai alla fine della ferrata Davide e Fulvio decidono di prendere una scorciatoia per la sacra, abbandonano la ferrata e saltano dietro un muretto per arrivare direttamente nel cortile sacra.... atterrando sulla rucola del custode..... ;-)

Ci ritroviamo all' ingresso della sacra che è chiusa alle visite nell' orario di pranzo dalle 12:30 alle 15:00 (iattura...).

La Sacra

Arrivati in cima ci rechiamo al bar per prendere un panino visto che è quasi l' una. Troviamo un piccolo bar e Davide chiede subito un Mojto ma la signora del bar dice che non lo fanno....

 

Si scende dalla Antica mulattiera che parte sul fianco del Bar, in circa 30 minuti si arriva all' abitato di Sant Ambrogio, da qui fino al parcheggio che è sul fondo del paese.

Percorso per la discesa

 

La chiesa di San't Ambrgio

La chiesa di Sant Ambrogio

Ferrata scalata in 3 ore circa, 1 ora per la discesa dalla Sacra per il parcheggio.

Consiglio l' uso di scarponi da trekking leggeri, ho fatto tutta la ferrata con gli scarponi da alpinismo, sicuramente sono stato favorito per alcuni passaggi dove lo scarpone rigido facilita la salita ma l' uso degli scarponi da alpinismo non è giustificato. (soprattutto i miei che sono invernali dedicati al ghiaccio...)

 altre foto

tracciati gps

Filmati 1 e 2 

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru