Passa ai contenuti principali

Ferrata Nito Staich

La mia prima ferrata, prelevo le informazioni dal sito www.vieferrate.it.

Mi alzo prestissimo abbastanza emozionato per questa nuova avventura, da solo e verso l'ignoto ... ( forse esagero...)

Arrivo al solito parcheggio di Oropa


Visualizzazione ingrandita della mappa

spendo i soliti 0,50 Euro all'ora (ma con ben 4 Euro si può fare tutta la giornata).

Mi dirigo verso il sentiero per Oropa Sport o rifugio Rosazza/Savoia. La partenza del sentiero si trova seguendo la strada che prosegue dalle funivie, dopo la chiesa, svoltare a sinistra e proseguire per qualche tornante, ad un certo punto si trova l'imbocco del sentiero.

Inizio del sentiero

Si prosegue il sentiero (D13) per circa 20 minuti, dopo una cappelletta con una madonnina si strovano le prime indicazioni della ferrata.







Si prosegue su una pietraia seguendo alla bene e meglio gli omini di pietra fino ad arrivare in un piccolo bosco ai piedi della montagna.

I nani di Pietra

Verso l'attacco della ferrata


Si sale, i gradini sono tutti ben assestati e non ballano, la fatica e tanta, ad un certo punto raggiungo il ponte tibetano, è molto tirato e quindi comodo (si collega dal vecchio pilastro della funivia verso la parete).


Il tibetano

Ogni tanto qualche brivido per l'altezza ma proseguo immerso nella nebbia.

Arrivo al secondo ponte tibetano, anche questo è molto carino e privo di difficoltà.

Ad un certo punto prima dell'utilma placca mi trovo un cartello con scritto "Via di Fuga".... mi crea qualche fastidio... (ovvero se continuo sulla ferrata esiste il pericolo che arrivi un'orso gigante e dovrò scappare seguendo questa via?.... bho!!!)

L'ultima parte è tutta un'altra cosa, si deve affrontare una parete verticale e un tetto, tra le altre cose rimango appeso per qualche secondo sul tetto, con le gambe penzolanti... si lavora tantissimo di braccia, alle volte privo di appigli devo tirarmi su per raggiungere il prossimo scalino.

La salita finale

Arrivo in cima immerso in una coltre di nebbia e mi vedo passare le persone all'interno della cabina della funivia a qualche metro di distanza (la ferrata finisce a livello del pilone della funicolare).

Il palo delle funicolare

Si scende dal sentiero che riporta al punto di partenza, per il percorso di discesa trovo anche delle pareti di arrampicata attrezzate


La palestra di roccia

Complimenti alle guide della tike saab per la realizzazione e la manutenzione della ferrata.

tracciati gps

Commenti

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru