Passa ai contenuti principali

Trekking E30 - E32 - E31

Sabato 16 Giugno

Prosegue la scoperta degli itinerari più belli della Alta Valle Cervo. Questa volta la mia destinazione vorrebbe essere la Punta della Gragliasca situata tra Rosazza e la Valle d'Aosta, la tratta si porta sull'antica mulattiera fatta realizzare la Federico Rosazza al fine del 1800 come via di accesso verso la valle di Gressoney.

Castello di Rosazza

Il castello e la torre di Rosazza


Il sentiero è segnalato sulla carta con punti a tratti, quindi poco praticato.
Parte da Rosazza si segue per il sentiero E32 e poi E30. Il sentiero E32 porta alle selle di Rosazza e al rifugio Madonna della Neve, posto che conosco e visito regolarmente per il fantastico panorama su tutta la valle.

Il percoso verso la Gragliasca partendo da Rosazza e costeggia il torrente Pregenetta, poi risale sulla Gragliasca inferiore, superiore , il colle e infine sulla destra la punta.

La mulattiera E30 è molto curata fino all'incrocio con la E32, successivamente alla piana il percorso diventa trascurato dalla manutenzione (alla piana si trova una deviazione per un sentiero non segnato sulle carte per il monte Camino).

In alcuni tratti la mulattiera è quasi totalmente "ingoiata" dalla vegetazione, alcuni ruscelli ivadono il sentiero rendendolo pericoloso.

Sentiero Scosceso

Sentiero E30, la mulattiera "ingoiata" dalla vegetazione

La piccola valle è molto bella, selvaggia e isolata, mentre si sale sulla fiancata si possono ammirare dirupi, creste, crepacci tutto intorno una vegetazione cresciuta senza controllo umano.

E30 - Sentiero scosceso


Valle della Pregnetta


Dopo circa 1:50 di marcia devo interropere l'escursione per via di un passaggio innondato che da su un dirupo e visto che sono da solo non vorrei finirci dentro... (questa decisione la prendo dopo diversi tentativi di attraversamento sulle rocce bagnate e piene di muffa...)

E30 - Sentiero scosceso

la mia avventura sulla Gragliasca terminate proprio sul più bello...che nervoso, che fastidio.....

Ritorno indetro e prendo il sentiero E32 per le Selle di Rosazza e il Rifugio Madonna della neve.

Il percorso passa da una piccola frazione chiamata Desate e poi sale, per quasi tutto il sentiero per un sottobosco. La tratta è segnata sia dalla sigla E32 che da una segnaletica di colore giallo.

Prima di arrivare al rifugio si passa per l'alpeggio Vernetto, zona piena di ruderi di vecchie baite.

Alpe Vernetto

da un rudere escono alcune capre selvatiche

Capre selvatiche alpe Vernetto


Capre selvatiche alpe Vernetto

il maschio mi guarda male..... forse è meglio togliere il disturbo... rapidamente... molto rapidamente....

Si prosegue il sentiero e dopo l'alpe si raggiunge il rifugio Madonna della Neve. Nella foto si vede il rifugio dalla chiesetta, il sentiero E32 arriva dalla destra del rifugio.


Rifugio Madonna della Neve

Dalla chiesetta posta a pochi metri da rifugio in direzione del sentiero E31 è possibile osservare un bellissimo panorama sull'Alta Valle Cervo, la Valle del Mologna e la cima del Bò.

La mologna Grande

Vista sulla Vallone della Mologna Grande




Vista su Piedicavallo

Piedicavallo dall'alto



Panorama dalla Selle di Rosazza

Panorama della Valle Cervo, a destra la cima del Bò sotto alle nuvole nella valle Acque Secche, a Sinistra il vallone del mologna


proseguendo sul sentiero E31 si arriva all'alpe Brengola, prima di arrivare si trovano anche indicazioni per il colle dell'Irogn non segnalate sulle carte.

Rododendri verso l' Alpe Brengola


L'alpe Brengola è un'insieme di ruderi abbandonati rivolte sulla valle delle Gragliasca.

Alpe Brengola

Alpe Brengola

A questo punto ritorno verso casa... in totale 5 ore di cammino.


Percorsi tracciati con il GPS


Percoso Cartografico Gragliasca

la riga viola è il mio percorso


Percoso Cartografico Selle e Alpe Brengola

la riga rossa è il mio percorso

Commenti

Anonimo ha detto…
Per chi fosse interessato a questo percorso, segnalo che ora è completamente agibile: il tratto di rocce bagnate sul dirupo è fornito di comodi e sicuri gradini di metallo e il resto della mulattiera è stata pulita dalla vegetazione.
Andrea, Biella 29-8-09
Anonimo ha detto…
Bellissimo itinerario e complimenti per la qualità delle foto! http://piccoliegrandiviaggi.blogspot.com/
fabio ha detto…
ciao ho messo il link del vostro blog sul mio nuovo sito web supermonti.webnet32.com....
se volete potete registrarvi, commentare e farlo conoscere che è appena nato.
ciao e buone avventure in quota
Anonimo ha detto…
bellissime foto!
http://www.bike-trekking-garda.it/Index.aspx?lang=IT
Anonimo ha detto…
bellissime le foto!!
http://www.bike-trekking-garda.it/Index.aspx?lang=IT

Post popolari in questo blog

La macchina del pane - Bifinett KH 1170

le ricette Abbiamo ricevuto in regalo una macchina del pane, accessorio che mai avevo immaginato di comprare, perchè ho sempre pensato che consumasse un sacco di corrente elettrica e che tanto valeva comprarlo dal panettiere. Secondo varie ricerche internet, ad esempio qui , farsi il pane è invece decisamente conveniente, perchè costerebbe meno di un euro al chilo, con l'ulteriore vantaggio di sapere le materie prime utilizzate. Su internet poi ci sono un sacco di ricette, manuali, consigli, post e forum che ne discutono e danno consigli. A me che piace spacioccare in cucina, ma che ho poco tempo, si è aperto un mondo tutto da scoprire!! Infatti già con il solo pane è possibile sbizzarrirsi nell'aggiunta dei più disparati ingredienti e nella scoperta che esistono un sacco di tipi di farine, ma in più è possibile anche fare dolci, e qualcuno ci ha fatto persino la polenta, il mou e il risolatte. Niente da dire, semplicemente, proverò tutto!! Qui un po' di manuali crea

Reportage sulla Volpe - scaricabile gratuitamente

" Reportage la volpe ", questo il titolo dell'opuscolo ideato dalla LAC di Novara in collaborazione con la LIPU sez.Biella Vercelli, pubblicato interamente grazie al CSV di Novara . La foto di copertina è di Roberto Marcon, mentre le altre sono state messe a disposizione dal Responsabile della nostra sezione, Giuseppe Ranghino. I testi, redatti da Eleanna Zambon, Giuseppe Ranghino e Stefano Costa, fanno da cornice alle splendide foto, che di per sè già parlano da sole. E' possibile scaricare l'opuscolo in formato pdf visitando il sito delle GEV di Novara, oppure cliccando qui . [ via lipublog ] Technorati Tag: volpe , lac , natura , ecologia , fotografia , Parco nazionale del Gran Paradiso

Trekking da Eaux Rousses al Lacs Djouan – Valsavarenche (AO)

Partenza da Eaux Rousses 1666m Arrivo ai Laghi di Djouan 2516 Dislivello: 900m circa. tempo: 2:30 ore circa. Partiamo da casa, il tempo è bruttino e nuvoloso. Appena arriviamo a Valsavaranche lasciamo le nuvole sotto di noi e si apre una meravigliosa giornata di sole contro tutte le aspettative. Parcheggiamo nei pressi dell’Hotel Paradisia a Eaux Rousses   1666m , siamo io, Silvano e Anna. Seguiamo il sentiero n.. 8C (alta via n..2) che sale in traverso tra qualche sterpaglia fino a migliorare in un bel sentiero largo e comodo. Mano a mano che saliamo il Gran Paradiso spunta in tutta la sua bellezza, si vede la prima neve invernale fresca che brilla al sole. I colori autunnali sono bellissimi, alberi, prati marroni e spruzzate di neve rendono la valle addormentata. Sul sentiero parte in volo un fagiano di monte molto bello. Intanto due rapaci di grosse dimensioni volano intorno alla punta della montagna. Silenzio, pace, natura non incontriamo altre persone.Il primo ru