sabato 1 dicembre 2012

Trekking – Sentiero dei Castagni – Montestrutto (TO)

Distanza totale: 4,42 km
Tempo totale: 2:03:48
Dislivello massimo: 772 m
Dislivello minimo: 305 m
Dislivello: 570 m
solo salita

Passeggiata invernale in bassa Valle d’Aosta. Nelle zone più alte è arrivata la neve, poca voglia di iniziare a portare a presso le ciaspole… Il percorso dei Castagni parte dalla Frazione di Montestrutto, proprio dal parcheggio della palestra di roccia famosa e molto frequentato. Si segue la strada asfaltata fino ad intercettare il cartello che indica la partenza della passeggiata (sentiero 881). Il percorso ad anello è totalmente su una antica mulattiera. La bellezza della zona e i colori autunnali rendono il percorso molto piacevole. Da segnalare la presenza geologica molto importante di strutture provenienti dal movimento del ghiacciaio baltico e modellate in fase orogenetica alpina. Nella prima parte del sentiero sono evidenti i cespugli di pugi topo (Ruscus aculeatus L.) con qualche bacca rossa. Ogni tanto qualche pianta di uva turca (Phytolacca americana L.) con la sua colorazione rossa crea un diversivo alla cromaticità del paesaggio autunnale. In terra (416m) si trova un manto di foglie secche, in questa prima parte di sentiero prevalentemente querce. Sulla sinistra è evidente il castello di Montestrutto risalente alla fine dell’Ottocento ricostruito sui ruderi di una fortificazione medioevale. Sul percorso si trovano delle distese di rocce montonate (sulla destra), rocce lisciate sempre dallo scorrere del ghiacciaio baltico del periodo del Quaternario (Neozoico). La roccia è possiede molte sfumature di rosso fanno pensare alla massiccia presenza di granato.

Arrivati alla località Mulino (532m) (frazione di Nomaglio)  troviamo l’antico mulino delimitato da alcune vasche di accentramento dell’acqua, opera risalente al 1700. Il mulino veniva utilizzato per ottenere la farina dalle castagne per il pane ed altri prodotti alimentari di prima necessita.

Proseguendo sulla strada asfaltata prima di subito dopo una curva sulla destra si trova un cartello indicatore con importantissimi manufatti incisi nella pietra con coppelle collegate da canaletti tra di loro risalenti all’età del ferro (Località Canaletta) (591m). Seguendo sempre il sentiero 881 si arriva ad un punto panoramico molto bello in prossimità di un all’alpeggio a 715m ci fermiamo per una pausa ed osservare il panorama, alla nostra destra la Cavallaria, si ammira anche  la sorta di “imbuto” della Valle d’Aosta verso il Piemonte delimitando quello che era l’area di sfogo di erosione del ghiacciaio baltico verso la pianura.

la palestra di roccia

la rinomata palestra di roccia

altocumulus lenticolari

Altocumuli

il castello di montestrutto

il castello di Montestrutto

Montestrutto

IMG_7339

IMG_7344

IMG_7345

IMG_7348_pungitopo

Pungitopo (Ruscus aculeatus L.)

IMG_7351

La mulattiera

IMG_7357

Rocce montonate lavorate dal ghiacciaio Baltico

IMG_7361

la mulattiera

IMG_7365

la mulattiera

IMG_7366

IMG_7368

mulattiera

IMG_7372

panorama

IMG_7375

IMG_7377

IMG_7382_mulino

il mulino

IMG_7384_macina_mulino

una macina in pietra

IMG_7387_mulino

il mulino per la produzione di farina di castagne

IMG_7388

IMG_7395_burnell

la fontana del Burnell

IMG_7399_masso_inciso

IMG_7401

la bassa valle con i primi segni di neve

IMG_7409_benna

La “Benna”

IMG_7413

la mulattiera tra i castagni

IMG_7423

la mulattiera

IMG_7426

IMG_7428

la basse valle di Aosta

IMG_7433_corniola

Corniola (non sono proprio sicuro…)

IMG_7435_micascisto_granato

scisto con granato

IMG_7441

rocce particolari

IMG_7446_altocumulus_stratiformis

altocumuli

IMG_7449

IMG_7450

 montestrutto

altre foto

tracciati gps

Nessun commento: