giovedì 8 luglio 2010

Testa del Rutor - Valgrisanche

Partenza: Rifugio degli angeli 2916m
Arrivo: Testa del Rutor 3481m
Dislivello: 500m
tempo: 2:30 ore

difficolta: F, ( materiale picca, ramponi, corda, cordini, moschettoni, casco, arva, pala, sonda… e tutti quello che serve per il ghiacciaio)

Rieccomi al Rifugio degli Angeli, siamo io,Marco, Silvano, Elena, Rosella e l’innominato. Arriviamo al rifugio degli angeli abbastanza velocemente (un piccolo aiuto nel parcheggiare la macchina più in alto risparmiando una buona ora di sentiero… ). La giornata è bellissima sole, la vista spazia su tutte le montagne intorno, molto bello e rilassante.

Sveglia alle 5 partenza alle sei dopo una  notte  tormentata dal male alla cervicale. Alle nostre tre cordate si aggiungono anche Davide e Bruno, si parte direttamente dal rifugio con ramponi e cordata, si segue lateralmente il ghiacciaio orientale del Morion il percorso è semplice e ben battuto da un gruppo passato il giorno prima. Dopo aver percorso un falso piano laterale abbastanza semplice e tenendosi sulla sinistra dopo un salto di roccette semplici si entra nel ghiacciaio del Morion, dal basso si ammirare la madonnina del Rutor sopra le nostre teste, questo percorso più ripido è meta di sci alpinisti nel periodo di fine stagione quando la cornice da bucare è più sottile. Sotto di noi un panorama lattiginoso di nuvole basse taglia la vista della bassa valle, sembra di essere sospesi su di un mare di nuvole.

Due piccoli salti su roccette ci portano all’attacco delle parte sinistra del canale del colle, da qui si inizia a salire in più verticale, bisogna stare attenti, non è pericoloso ma la pendenza è rilevante. Si segue la traccia fino al colle da dove è possibile  ammirare tutto il ghiacciaio del Rutor che si estende a vista d’occhio, un panorama spazia su tutte le alpi, molto bello siamo a 3376m.

Dal colle sulla sinistra si prende l’evidente traccia che per una crestina molto facile porta alla sua vetta, l’ultimo tratto si trova qualche piccolo rimasuglio di ghiaccio vivo su qualche passaggio su roccia ma sono due o tre passi nulla di difficile. Arrivati in vetta un bellissimo panorama lattiginoso su tutte el alpi compreso il monte Bianco e tutte le punte principali della Valle d’Aosta.

Il ritorno è tranquillo e veloce anche se il ghiaccio inizia a mollare.

in arrivo al Rifugio degli Angeli

vista dal Rifugio degli Angeli, la Valgrisenche

vista dal Rifugio degli Angeli, la Valgrisenche

vista dal Rifugio degli Angeli, la diga in Valgrisenche

alla mattina un mare di nuvole

sul ghiacciaio del Morion

sul ghiacciaio del Morion

che mare di nuvole incredibile

 

verso il colle

Marco l’alpinista

al colle

l’ultimo tratto di cresta prima dell’arrivo alla testa del Rutor

la madonnina sul Rutor

sguardo sul mare di nuvole

 

 

 

Tutto ad asciugare

asciughiamo il tutto…

testa_rutor

cartografia: Valgrisenche, Val di Rhèmes e Valsavarenche ovest carta dei sentieri numero 3 1:25000 l’escursionista editore.

altre foto

tracciati gps

Nessun commento: